Facebook, il datore di lavoro non può spiare i dipendenti

Le aziende monitorano il personale già prima dell’assunzione, rilevandone propensioni, abitudini e inclinazioni, per poi “pedinarli” letteralmente fin oltre il licenziamento. I post pubblicati sui social network, primo tra tutti Facebook, dicono molto della vita di una persona: ad esempio, se il lavoratore si è dato malato e in realtà sta facendo una sessione di jogging.

Ma questo comportamento è legittimo? La risposta è stata fornita dai Garanti europei della privacy, riuniti del Gruppo “Articolo 29” (WP29), l’esito dei cui lavori è stato reso noto dal Garante della privacy italiano.

Commenti:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...